Cargo

14 giugno 2011 § Lascia un commento

Ascolta la puntata On air: CARGO

Cargo nasce nel 2005, da una costola de L’ancora del Mediterraneo. Diretta da Milena Zemira Ciccimarra, si caratterizza come casa editrice indipendente che pubblica narrativa straniera contemporanea. La scelta di creare un nuovo marchio nasce dal bisogno di dare rilievo alla narrativa precedentemente pubblicata da un marchio che si era distinto nel mercato editoriale soprattutto per la saggistica di qualità. La scelta grafica, che presenta elementi comuni con L’ancora del Mediterraneo, è pop e di maggior impatto. Il suo catalogo è diviso in due collane la Biblioteca di Cargo e i Classici di Cargo. Questa seconda collana nasce alla fine dello scorso anno e raccoglie gli autori contemporanei, le sue pubblicazioni sono in hard cover; mentre la Biblioteca di Cargo intende operare una serie di recuperi e pubblicare autori affermati mai tradotti all’italiano.

More about L'enigma di FinklerTra gli autori da segnalare senz’altro Howard Jacobson che con il suo L’enigma di Finkler, il best seller di Cargo, ha vinto lo scorso ottobre il Man Booker Price 2010. Jacobson è uno scrittore, saggista e giornalista noto per lo stile umoristico e la vena comica dei suoi romanzi, che spesso hanno come soggetto storie di ebrei inglesi. Kalooki Nights, uscito per le edizioni Cargo nel 2008, è stato tra i favoriti al Man Booker Prize nel 2006 e vincitore del Jewish Quarterly Wingate Prize nel 2007, mentre L’imbattibile Walzer ha vinto il Bollinger Everyman Wodehouse, assegnato al libro comico dell’anno e il Jewish Quarterly Literary Prize for Fiction.

 Tra le novità di quest’anno troviamo Shakespeare’s Kitchen di Lore Segal, autrice vincitrice dell’American Academy of Arts and Letters Award nel 1986, del Washington Post Best General Fiction & Poetry nel 2007, del Clifton Fadiman Medal nel 2007. Nel 2008 è tra i finalisti al Pulizer. In questa raccolta di racconti, legati tra loro dalla presenza degli stessi protagonisti, Lore Segal ci racconta in modo divertente e leggero del naturale bisogno di appartenenza che c’è in ciascuno di noi, tracciando allo stesso tempo un ironico e pungente ritratto della classe agiata americana.

Altri nomi di spicco presenti nel catalogo di Cargo sono Yaakov Shabtai, Zora Neale Hurston, Hanna Krall, Jean-Patrick Manchette, Tibor Déry, Günter Grass, Juan Goytisolo e Jack London.

Infine vi segnaliamo Inquietudine di Otto de Kat, indicato da Goffredo Fofi in Internazionale come « un libro da non perdere» e Il sole dolce dei ricordi di Dina Rubina, tra le più note scrittrici russe.

Advertisements

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Cargo su montag.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: